Whistleblowing

MA CHE COSA E' IL WHISTLEBLOWING?

In lingua inglese, o, più nello specifico, negli Stati Uniti d'America, la locuzione whistleblower ("soffiatore di fischietto") identifica un individuo che denunci pubblicamente o riferisca alle autorità attività illecite o fraudolente all'interno del governo, di un'organizzazione pubblica o privata o di un'azienda.

Il whistleblowing – la ‘soffiata’ dei dipendenti pubblici all’interno del proprio ufficio – è un istituto non pienamente decollato, anche se dal 2012, quando è stato previsto dalla legge Severino, le segnalazioni sono in aumento.

Lo scorso 10 Ottobre la commissione Affari Costituzionali del Senato approva il disegno di legge sul whistleblowing.

Tra le tutele previste dal ddl l’anonimato di chi segnala irregolarità anche da eventuali danni conseguenti alla segnalazione stessa, ha diritto a essere riassunto qualora licenziato e al risarcimento per gli eventuali danni morali, economici o di carriera subiti nonché delle eventuali spese legali. Chi segnala – nei casi di reati che comportano un danno erariale, – ha diritto anche a un premio compreso tra il 15 e il 30% della somma recuperata a seguito della condanna definitiva della corte dei Conti.

L'associazione Riparte il Futuro cerca di sconfiggere la corruzione promuovendo la trasparenza e la certezza del diritto. Senza Corruzione Riparte il Futuro.

***

Whistleblowing from riparte il futuro on Vimeo.